Check list di viaggio: l’importanza di averne una6 min read

Negli anni ho imparato che avere una perfetta check list di viaggio ti può salvare un viaggio intero! Tipo non poter approfittarne del secondo guidatore gratuito perchè ti sei dimenticata di rinnovare la patente, o dover spendere duecento euro a notte per l’ultima camera dell’albergo, o solo pensare “se avessi avuto qui con me quella camicetta che sta benissimo con questi pantaloncini..”. Nulla per cui morire, ovvio, ma vuoi mettere!?

Se arrivi da Instagram già lo saprai, a giugno ho fatto un viaggio pazzesco – nel dubbio inizia a seguirmi – uno di quelli per cui torni a casa e per riprenderti non ti resta che partire ancora – ed è esattamente quello che ho fatto.

Ma un passo per volta.

Ritorniamo al viaggio pazzesco. Questo viaggio l’ho programmato per mesi, perchè quando si viaggia altreoceano ci sono alcuni punti imprescindibili, siano essi documenti, particolari condizioni climatiche o altri dettagli che vanno aldilà della sorte e del piacere personale.

Ancora prima di acquistare il volo avevo già una lista dettagliata di quello che avrei voluto vedere compresi i piani B, C e D. Solo dopo aver tenuto in mano i biglietti aerei ho aggiustato qua e là, stretto qualche tappa e deciso i must. Come riesco a organizzare tutto questo e allo stesso tempo arrivare alla partenza senza dimenticarmi nulla? E senza dare di matto? 👈 ah no, giusto, questo non lo so! Con delle liste di priorità ovviamente.

La regina delle check list di viaggio

Il mio ordine in casa è inversamente proporzionale alla precisione delle mie check list. O meglio, in tutto il casino che genero, se non ho delle liste capita che esco per comprare il latte e torno col pane – tratto da una storia vera. Se viaggio lontano poi, essendo oramai nota rompiballe, divento così scrupolosa che ho creato anni fa questa scaletta per non impazzire e perdermi nelle piccole cose.

⏳Da 4 a 3 mesi prima

Prima di ogni cosa controllo che ogni mio documento sia in corso di validità, patente e passaporto su tutto. Dopo aver fermato i voli – lo sapevate? Pare che questo sia il periodo migliore per prenotare – faccio una ricerca parallela su Booking e TripAdvisor cercando gli alberghi migliori per rapporto qualità/prezzo e vicinanza dal mio punto di interesse o ad una fermata della metropolitana, sempre e solo con cancellazione gratuita. Eventualmente ne trovo qualcuno fuori dal mio budget o senza cancellazione gratuita lo salvo in una lista a parte e li ricontrollerò più avanti. Prenoto anche l’auto, su Rentalcars.com la cancellazione è sempre gratuita dunque posso controllare tra qualche settimana l’andamento dei prezzi ed eventualmente cambiare prenotazione. Per esperienza i prezzi delle auto tendono a salire, ma mai dire mai!

⏳1 mese prima

Come ho spiegato in un mio post precedente, questo è il momento in cui organizzo visti o permessi, stipulo l’assicurazione sanitaria e prenoto eventualmente il parcheggio in aeroporto se so già che nessuno potrà accompagnarci.

⏳3 settimane prima

Riprendo in mano le prenotazioni degli alberghi, magari adesso possono esserci promozioni last minute, in caso sprenoto e ri-prenoto. Stessa cosa per l’auto, non si sa mai! Per chi non fa da sè, questo è il momento per chiamare l’estetista prendendo appuntamento per la settimana prima di partire, per non rischiare di non trovare posto all’ultimo minuto.

⏳Da 2 settimane a 10 giorni prima

Si va al caldo e nell’armadio ci sono ancora i maglioni? Questo è il momento di tirare fuori gli scatoloni con i pantaloncini corti, i vestitini leggeri, i costumi e le infradito! Così se necessario do una rinfrescata veloce e ho tempo anche per stirare. Man mano che le cose sono pronte le metto da una parte in attesa di riordinare le idee. Questo vale anche per il contrario da Estate a Inverno, anche se personalmente a me non capita mai – Islanda però tu aspettami.

Cambio continente e valuta? Per esperienza personale, in Asia non ho avuto problemi a trovare i vari “Change” e dunque cambiare lì i nostri euro, discorso diverso per gli Stati Uniti, dove invece mi reco sempre con qualche dollaro di riserva già pronto da casa: questo è quindi il momento per tefonare in banca e prenotare qualche soldo.

⏳1 settimana prima

In questo momento della mia check list di viaggio do il peggio di me e me ne vanto. Questo è il momento che riprendo prenotazione per prenotazione e dalla pagina dell’albergo controllo se la stessa camera con le stesse condizioni sia ora disponibile anche con la formula non rimborsabile, solitamente si risparmia qualcosina – nei prossimi sette giorni scenderò le scale moooolto lentamente e moooolto aggrappata al corrimano, sai com’è, il karma.

Preparo anche tutte le stampe delle prenotazioni: il noleggio dell’auto, l’assicurazione sanitaria e i visti, eventuali attrazioni che ho prenatato in anticipo e carico su Drive tutti questi fogli più la scansione dei passaporti e delle patenti. L’app di Booking invece fa risparmiare carta, come quella di Ryanair per il check-in online nel caso voliate “in zona”. Altra cosa molto importante che faccio adesso è mettermi comoda e salvare su Maps l’itinerario con gli indirizzi degli alberghi e dei punti di interesse, cosicchè riesca a vedere tutto da cellulare semplicemente attivando il GPS. Nel dubbio, se devo fare un viaggio piuttosto articolato on the road in auto, mi salvo anche le mappe offline in caso di emergenza o di malfunzionamente del navigatore.

Penso anche alla spesa al supermercato: viaggio col bagaglio a mano? Controllo di avere tutte le minitaglie. Vado al mare? Vedo se è il caso di acquistare le creme solari nuove nel caso fossero aperte da più di un anno. Vado all’estero? Potrei avere bisogno degli adattori di prese elettriche.

⏳4-5 giorni prima

Preparo con calma un beauty del make-up, così pescando da quello nei prossimi giorni, posso rendermi conto se manca qualcosa. Ma organizzo anche un beauty medico con i rimedi veloci: pastiglie per il mal di testa, mal di pancia, gel d’aloe per le scottature, cerotti e salviettine disinfettanti per le ferite, una scatola di melatonina nel caso il mio viaggio attraversi diversi fusi orari e integratori minerali in caso siano previsti trekking o percorsi in condizioni climatiche particolari.

⏳2 giorni prima

Passo un giorno intero a caricare le batterie della mia fotocamera – ne ho qualcuna di scorta, si – quelle della action cam e metto il tutto nella borsa fotografica assieme a tutti gli accessori del caso e la cartellina con tutte le stampe.

Eccomi al momento più triste: preparo il trasloco della mia cagnolina. Potrei passare per pazza, ma non riesco a farle vedere la nostra valigia, anche se poi so che lei sa. Quindi mentre mio marito la porta giù, io preparo il fagotto a lei con tutto quello che servirà a mia mamma nei giorni successivi. Infatti se posso, aspetto di portarla via, per tirare fuori la valigia con calma secondo la mia personalissima tecnica!

⏳1 giorno prima

Semplicemente mi rilasso, per quanto una persona riesca a rilassarsi prima di partire. Ceno con mia mamma, vado a bere l’aperitivo con gli amici – faccio cose, vedo gente.

La tecnica del secolo

Si, perchè da quando osservo in modo maniacale questa lista non dimentico più niente. Ne volete una copia anche voi? Potete scaricarla cliccando qui sotto, questa – decisamente meno stropicciata – l’ho preparata apposta per voi!

Questa check list di viaggio ti servirà sia per un viaggio intercontinentale che in territorio nazionale o in Europa, perchè no! Falla tua!

Qui sotto infatti puoi scaricare un PDF che ho creato solo per te 🙂 Se stai per fare un viaggio ti aiuterà nell’organizzazione: a che punto sei? Scrivimelo nei commenti – banale scusa per saper dove stai andando 😛

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *